martedì 27 novembre 2012

Paté di fegatini di coniglio

pate-di-fegatini-di-coniglio-cooking-dona
Paté di fegatini di coniglio
La ricetta del paté di fegatini  di coniglio è un antipasto classico della cucina toscana. È facile e veloce da preparare ed è un antipasto ideale per la tavola delle grandi feste Natale, Pasqua, Capodanno, ma nelle mie cene con gli amici è spesso presente nel menù. Ciò che mi piace in particolare di questo antipasto è che posso prepararlo anche il giorno prima, e si mantiene tranquillamente in frigo per 2-3 giorni. Mi è capitato anche di congelarlo perché ne avevo fatto molto, quando l'ho scongelato rigorosamente passandolo dal congelatore al frigorifero fino a completo scongelamento il sapore era inalterato, per un maggiore risultato in questo caso conviene scaldarlo leggermente.
Se avete difficoltà a reperire i fegatini di coniglio, potete utilizzare i fegatini di pollo (più utilizzati nella tradizione umbra in particolare ternana). La stessa ricetta ho provato a farla col fegato di maiale o di bovino, ma il risultato non è stato soddisfacente, per questi due ultimi tipi di fegato è meglio utilizzare altre ricette.
Nella preparazione del paté di fegato l'unica accortezza che si deve avere è quella di pulire bene i fegatini, io li lavo sotto l'acqua corrente, poi lasciarli a bagno per un paio d'ore cambiando spesso l'acqua, in ultimo sciacquare nuovamente i fegatini, cucinarli quando sono puliti dal sangue.

Lista della spesa

  • 630gr di fegato di coniglio
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano comprese le foglie
  • 1 cipolla dorata
  • 3 spicchi d’aglio
  • 4 foglie di  alloro
  • Erbe di Provenza e Rosmarino q. b.
  • Sale e pepe q. b.
  • 1/4 di bicchiere di vino bianco - io ho usato l’EST EST EST
  • 2 cucchiai di Aceto Balsamico - io IGP Vigna Bordò della Compagnia del Montale

 

 

Cuciniamo

  1. Lavare a lungo i fegatini di coniglio con acqua fredda facendo attenzione che sia tolto tutto il sangue.
  2. Poi mettere in una padella tutti gli ingredienti, tranne l’aceto balsamico, cuocere a fuoco basso finché non saranno cotti tutti gli ingredienti.
  3. Quindi lasciar freddare e frullare tutto ora aggiungere l’aceto balsamico ed amalgamare bene.
  4. Servire su crostini di pane, meglio se caldi.

Buon Appetito!!

14 commenti:

  1. Che interessante una visita aziendale!
    Non si potrebbbe fare a meno dell'aceto balsamico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione cara! Grazie cara e felice serata :*

      Elimina
  2. un post ricco di info e curiosità....grazie per avrcele fatte conoscere!
    un abbraccio cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mia cara, sono contenta che ti sia piaciuto!!
      felice serata :*

      Elimina
  3. Ottimo patè, mi piace molto sui crostini!!!! Per non parlare poi dell'aceto balsamico!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la penso esattamente come te su tutto!! felice serata :*

      Elimina
  4. Adoro l'aceto balsamico,uno degli orgogli Italiani,mi piace parecchio,ottima anche il tuo patè!
    Zagara & Cedro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara questo aceto è davvero meritevole di essere provato. felice serata :*

      Elimina
  5. Mamma mia.. un post meraviglioso e un patè magistrale! Ma Dona, che bravaaa! :D Complimenti di cuore tesoro! Un abbraccione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely, sei davvero un tesoro, il patè è uno dei piatti che ho scoperto in Umbria, anche se la versione coi fegatelli di coniglio è Toscana. felice serata :*

      Elimina
  6. Ho avuto il privilegio di assaggiare il patè ... come direbbe Gracco: "ricette non elaboratissime ma caratterizzate da freschezza, tipicità e diversità: tutte qualità della cucina italiana che è veramente unica"
    10 cum laude e bacio accademico ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo buono Ivan... anche Gracco... Grazie davvero!! detto da uno che non ama il fegato di coniglio è davvero bello ricevere questa descrizione. felice serata :*

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Gli ultimi Appunti di cucina